mercoledì 18 novembre 2015

Ricominciare da meno di zero e finalmente sollevare il velo e raccontarvi veramente non l'immagine vincente che la gente prova a vendere di se! J AX






E così è passato un anno dalla nascita del mio Blog, un anno  che per me  è volato con la stessa velocità con cui passa il tempo da quando ho smesso di aver fretta di esser grande, solo i capelli non ri-crescono alla stessa velocità : spesso è tutto sempre maledettamente, indirettamente proporzionale! 
E con la stessa lenta velocità passano i pensieri, i ricordi di un anno che non sempre sono riuscita a condividere sul mio blog perché un'esperienza vera, fuori da tutto e lontana da tutti, nasconde sempre un delicato passaggio da custodire. Ma in questi giorni, terminato il periodo ludico e festaiolo da rientro o da week end mi fermo a fare due veloci, forse casuali, considerazioni.
È tutto un passaggio, anche quando siamo fermi.
Sono di passaggio e si trasformano I sogni, i rapporti, Le aspettative, le persone, le delusioni, ma riflettevo: quando invece sono le persone a deluderci, sono loro a farlo o l'idea che noi avevamo di loro e ciò che questa idea ci aveva indotto a pensare dovessero essere, o fare? Oppure non hanno superato la parte che gli avevamo  assegnato nella fiction che la nostra testa aveva  pensato di dirigere? ( che a volte manco Ozpetek o Kubrick) 
 In alcuni casi, non temete, comunque ci sono davvero dei pessimi attori, in altri ingloriose comparse. 
E noi siamo veramente noi con tutte le persone e nelle situazioni che viviamo? 
Quando nessuno ci guarda: Chi siamo? 
Essere vivi e veri è un sacrificio notevole, espone all'universale giudizio, all'incondizionata voglia di sperimentare e sperimentarsi, tocca corde scoperte, non concede sconti e a volte, spesso,  fa rimpiangere la superficialità.
Capita di aspettare : le vacanze, la fine della giornata, il venerdì esattamente come si aspetta che faccia effetto un sedativo, ci stordiamo, poi l'effetto svanisce...arriva o torna il lunedì, poi il martedì e poi ti ricordi di avere un cervello, del sangue che scorre nelle vene e che il tuo corpo non ha mai una temperatura costante, e allora partorisci questi post...mattoni indescrivibili che non hanno uno scopo, se non quello di urlare che: Sti  caxxi siamo vivi!!! e che ....siamo tutti un po' trasformisti, diari segreti travestiti da libri aperti!! 
Buon Compleanno DaZeroAMe!!!
 

giovedì 20 agosto 2015

Io sono selvatica di natura E amo tutto cio' che mi tenta E non mi corrompe!

Lo so, l'ho detto a tutti: " Quando arrivo a casa non voglio fare una valigia per almeno un anno!", ma niente, qualcosa dentro richiama il viaggio...probabilmente qualcosa che per me e' diventato come una droga, non importa poi se prendo un aereo o un treno, come oggi, basta mettere due cose in una borsa cose ( piu' o meno, ma sono migliorata: l'anno scorso per lo stesso week end ho preso una 15 kg) e partire a scoprire fino a dove voglio arrivare.
Quella di oggi credo sara' una giornata da ricordare, per cose soltanto mie, che sembrano avere dinamiche simili ma non uguali, per un desiderio che brucia...quello di non fermarsi! 
E allora prendo e vado di nuovo, pochi giorni, una minivacanza a trovare le mie persone speciali! 
Un viaggio in treno in cui alla vista del mare mi sono commossa, il mare di casa e' diverso....piu' blu e....meno freddo! 
Certo non ci sono i surfisti e le onde forse, ma lo guardo e mi ricordo di quando ero bambina e questo da un senso a tutto.
Adoro casa!!!
Mi sento nel posto giusto, con le persone giuste, e' tutto come l'ho lasciato, quasi immutato: con papa' devo alzare un po'  il tono della voce per farmi sentire, la mamma è un po' piu' lenta, ma è tutto magicamente rimasto intatto,  in una bolla e io mi ci butto dentro con balzi leggeri volo sopra questi giorni e mi sembra di non aver mai lasciato l'Italia, le mie montagne e Biella che ora mi sembra cosi' bella da togliermi il respiro e mi do della stupida per tutte quelle volte che mi sono lamentata....bisogna proprio perdere prima di vincere! 

lunedì 3 agosto 2015

In differita! Pensieri in Volo!

In volo mi propinano Cenerentola, ma sono costretta a guardarlo perché pur essendo notte non ho sonno, e  seppur sia una rivisitata Cenerentola della Disney, la storia la conosco a memoria, so che non ci sara' nessun colpo di scena, provo a mettere la lingua inglese per rendere piu' frizzante la visione del film e cercare di mantenere l'attenzione, ma niente...Tento allora di recuperare la bozza dei pensieri raccolti nelle ultime settimane: camminando, osservando, e odorando !
Puó essere che rialzi gli occhi quando si presentera' il principe, se non altro per la curiosità di vedere che faccia ha in questa versione e se la scarpetta sara' una moderna Jimmy Choo o la solita scarpa di vetro, ops, cristallo.
Va beh, la smetto di girarci intorno e banale come pochi non riesco a far dirottare i pensieri da cio' che ho lasciato.
(Pour parler, Nel frattempo ha fatto la sua comparsa il Cenerentolo, e poteva avere solo quella faccia da cresimando e solo con quella faccia poteva indossare dei pants, leggins e bianchi perfino, con cosi' tanta disinvoltura! ) 
 Tornando alle cose serie; certamente la Isla sapra' mancarmi e io, che ho imparato a conoscermi so cosa mi manchera' ! L'ho individuato ancora prima di lasciarlo! 
Manchera' che tutti mi vedano e nessuno mi guardi ( o viceversa non ho mai approfodito, ma la sensazione era quella della libertà assoluta) mi mancherà non conoscere nessuno e che nessuno mi conosca e il non far parte di nulla, e nello stesso tempo sentirsi parte del tutto.
Probabilmente mi mancheranno quei profumi di "erbe aromatiche" a caso , per strada o nelle case della gente... Perche' qui quasi tutti  e a tutte le età scoprono un insolito, sano e divertente "pollice verde"! 
Mi manchera' prendere il sole in topples senza sentirmi peccatrice e predestinata al girone dell'inferno dedicato alle donne che :  " Ma sai che c'e'? Perché no??!!!".
Mi manchera' essere salutata con un " Hola  Guapa!" e non perche io sia particolarmente Guapa, ma perche' in Spagna hanno questa  gentilezza sfrontata innata Che si rivela essere tra l'altro, una buona dose di autostima! 
Ma cio' che mi mancherà  veramente, sarà quel loro " Hola mi Niña", al supermercato, dal benzinaio, al ristorante, ovunque, mi mancherà perche' nasconde una dolcezza infinita, e mi é sempre piaciuto vederci una sorta di amorevole protezione, perche' penso che loro sappiano che tutti noi stranieri, qui, ci siamo sentiti piccoli,  almeno una volta, soli, nessuno, persi....un po' Niños. 
"Hola mi niña" mi ha sempre suscitato una tenerezza infinita, suona come la carezza della mamma, quella che aspetti, anche quando credi di essere troppo grande per chiederla...
Comunque, Intanto che riordinavo i cassetti dei pensieri,  il film me lo sono guardato, un po' perche' sono una gran romantica, e poi perche' non si sa mai che sia come quelle catene di Sant'Antonio , quelle degli sms che se non ne mandi cinque a dieci persone diverse e poi li moltoplichi per due, ci calcoli la radice quadrata e il logaritmo, ti porti addosso una sfiga assurda per 100 anni, e chissa' mai che se non guardo Cinderella o lo disprezzo  mi capiti qualcosa, diciamo che essendo in volo la scaramanzia si fa pressante. 
Tutto questo post, sconnesso, per distogliermi, da alcuni pensieri, sogni e ricordi e soprattutto per distrarmi dal
Pensiero di cio' che di me la e' rimasto e dal pensiero costante che Matilda, la mia Mati, che e' ripartita con me, come sempre, ora si trova in stiva, sola ed io che mi sento un po' la sua sciagurata mamma, ho il cuore in gola.
E' notte fonda, il film della Disney sul display lascia il posto al tragitto aereo...sto sorvolando Madrid, tutti dormono, il mio Ipod non seleziona mai a caso : "Intro" di J-Ax ora sembra una colonna sonora perfetta, guardo il mondo dall'oblo' ( ahahahhaha) la Penisola illuminata, e' bellissima, riesco ancora a meravigliarmi, e atterro tra un paio d'ore nella mia Bella  Italia, leggera, ma con gli stessi occhi lucidi con cui ho salutato la Isla e sono ora protagonista anche io della mia favola.


lunedì 27 luglio 2015

" Le luci sono tutte spente, che si vede meglio. Perchè ognuno è dentro un sogno o dentro qualcun'altro. Dentro il suo guaio. Ognuno è comunque dentro qualcosa." Ligabue ( non c'entra niente ma mi piaceva!)

La canzone ora é di Nicolo' Fabi, Costruire.

Comunque, in poche parole, e' come quando mangio un gelato.
Lo divoro voracemente, poi arriva la fine e rimango sempre un po' male, perche' per la fretta di sgranocchiare la punta del cono, spesso mi dimentico di gustare il gelato...
E' come quando punti alla vetta e ti perdi il cammino...
Quando ti concentri sulla meta e ti perdi il viaggio...
E cosi' ad una manciata di giorni dalla partenza, non posso non farmi assalire da una sana e consapevole nostalgia, quella che nasce quando stai per finire un libro: quell'eccitazione per il gran finale mista alla tristezza di dover intrappolate tra quelle pagine le emozioni scatenate, o l'incertezza di affidarle ad una una nuova introduzione, ad un nuovo capitolo,un'altro titolo, altre pagine...sconosciute.
Allora inizi a leggere piu' lentamente, la virgola diventa una rigorosa pausa, il punto una pausa sigaretta , e le pagine che scorrono, le conti e te le concedi poco per volta, sono dosi, dosi di ...emozioni! 
Quello che sta succedendo a me ora? 
Non sono arrivata alla meta, ma sta per terminare un viaggio, non sono alla cima ma ho gia' percorso una gran Salita, sono alla fine del mio gelato, ma mi sto gustando il suo sapore, sono all'ultimo capitolo e mi fumo una sigaretta! Sto dosando le pagine! 
In pratica : mi guardo intorno, respiro profumi, assorbo colori, memorizzo suoni, voci e musiche, codifico emozioni e le imprimo nella memoria e con cura le ordino nei cassetti disordinati della mia mente, mi spoglio della pigrizia o della fretta, provo a non dare una misura al tempo, smetto di aspettare, non mi aggrappo a nulla, plano leggera su questi giorni, saluto senza sapere (ne' impormi di sapere), se sarà un'arrivederci quello che daro' alla Isla o un'addio, le alzo un dito medio in segno d'orgoglio per le prove superate e le faccio l'occhiolino per quelle che, forse, un giorno...! Assecondo...
Cambio la mia musica, scelgo qualcosa di leggero, carico di passione perche' ho voglia di ballare a piedi nudi su questa sabbia, ma ho tempo di farlo domani! 

Penso che metteró la testa a posto, sperando poi di ricordare dove! 
Mi faccio una risata e poi mi metto a dormire, e dormo serena su queste notti e sogno, quel che sara' o quel che vorrei fosse!

Penso che il lunedí ( é lunedí vero?) é proprio il giorno delle riflessioni! 


martedì 14 luglio 2015

Perche' un pretesto per tornare, bisogna seminarselo dietro quando si parte. Alessandro Baricco




Ebbene rieccomi! 
Presente ormai a random nel mio blog che mi rappresenta e mi costraddistingue per la mia costanza pari solo a quella delle giornate di sole a Biella ( ndr).
In un periodo storico in cui tutti con orgoglio se ne vanno, io con altrettanto oroglio, ritorno, controcorrente, come a volte mi accade di essere, ma non volevo essere banale e fare quella che all'estero ha trovato la panacea di tutti i mali! 
Ritorno, quantomeno per ora, perche' cosi' ho scelto, ritorno in quell'Italia da cui tutti se ne vanno, in cerca di sole, mare e vita tranquilla, perche' io qui un po' mi annoio.
Ritorno perche' sono fortunata, perche' ancora una volta, posso fare quello che realmente voglio e soprattutto so cosa voglio, ora.
Ritorno perche' La Isla e' bella, ma la bellezza non é tutto, e la bellezza di un luogo risiede nelle persone che lo abitano, il mio luogo ora non e' piu' lontano da casa, il mio luogo e' casa perche' le mie persone, quelle che lo abitano sono bellissime e io voglio poterle guardare! 
Ho fatto un'esperienza in un anno qui, voluta e cercata, che mi ha insegnato piu' di dieci anni della vita che ho messo un stan by, ma un'esperienza e' tale perche' ha un'inizio ed una fine.
E' stata un'esperienza in cui ho capito che mi piace stare sola, ma non sono solitaria, che mi piace fare amicizia, ma non con chiunque e non a tutti i costi, ho capito quanto valore abbia il mio istinto e che non ascoltarlo spesso mi e' costato caro, ho capito che la ricerca ossessiva della liberta' è la piu' pericolosa forma di schiavitu', ho capito che sono stata  l'impresario  e l'operaio della mia stessa vita, costruita dalle mie scelte e dalle mie mani, ho capito il valore irrinunciabile di cio' che davo per scontato, ho riscoperto legami, affetti indissolubili e, perche' no, anche un lavoro, un lavoro che mi permette di dare un senso al tempo, di assaporare il sabato e la domenica, di aspettare le vacanze con quell'emozione misto ansia  che quasi mi manca, l'emozione di progettare un viaggio, di sognare di provare a girare un po' di mondo, l'emozione di vedere il mare dopo tanti mesi di freddo e le stagioni...mi mancano le stagioni, i colori che cambiano, il colore della pelle che cambia, i vestiti addosso che si assottigliano e si accorciano, ecco si, mi piace vedere le cose, la vita, il tempo cambiare....trasformarsi, perche' e' un po' quello che succede a tutti noi!
Solitamente non ci si accorge di cambiare, e quando si ha la presunzione di esserlo, si prendono legnate! A me e' capitato cosi e sono le persone piu' improbabili a fartelo notare.
Io ho avuto la fortuna di poter assecondare ogni mia trasformazione, e di poterla vivere, piu' o meno come volevo, assaggiando masticando e ingoiando difficolta' e delusioni.
Ma se devo fare un bilancio di questi due anni fuori dalla mia adorabile provincia piovosa, e di questo ultimo all'estero, posso contare con orgoglio le mie conferme.
Se questi ultimi due anni della mia vita fossero un film, sarebbero una versione low cost di "Mangia, Prega, Ama", anche se non sempre le tre attivita' sono state passaggi distinti, anzi a dire il vero per me "Mangia" e' una costante imprescindibile!
Il film termina con la protagonista che trova la "sua parola" ( imbarcarsi) dopo l'esperienza sabbatica di un anno fuori dal suo guscio, la mia parola ora e' "leggerezza"! 
Il sole, il caldo, e tutto il resto mi hanno spogliata della pesantezza e di quel desiderio di essere per forza negli schemi, lo schema della vita da citta', della vita da mare, sempre un ruolo da interpretare, che palle! Io voglio essere protagonista ed improvvisare la mia vita, non interpretare un copione gia scritto!! 
Perche' ritorno poi? 
Perche' , diciamocela tutta, non si puo' vivere a lungo in un posto in cui non si puo' mettere un tacco 12, in cui non esistono la Müller e la Bonne Esperance, anche se la presenza di Zara ( autoctona) mi ha fatto titubare piu' e piu' volte sul rimanere o meno! ( per fortuna Torino e' a due passi da Biella).
Ah! Altro punto a favore dell'esperienze fuori dal guscio é il ricalcolo e la riconsiderazione delle distanze, se prima a volte mi pesava andare a Biella ( a 12 km da dove abitavo mas o menos) a bere un caffe', ora i miei confini geografici mentali si sono notevolmente estesi, mi immagino quasi ad organizzare un week end lungo in Australia! 
Pero' , non me ne abbiate italiani espatriati, ora che ho saputo che  all'Esselunga c'e' anche l'avocado ( e' nata una relazione molto intensa tra noi), ritorno con gioia a ricongiungermi ai miei Müller, ai miei tacchi e alle mie doppie colazioni alla domenica...perche' in fondo la vita vera e' fatta di cose semplici: una o due buone colazioni, gli amici, la famiglia, l'amore, una birra e Zara!!! 

Tempo fa, in un precedente post, raccontai di quella pratica giapponese , il Kintsugi, che consiste nel valorizzare un oggetto rotto utilizzando l'oro o l'argento per saldare tra loro i frammenti, e della sua versatilita' ai fatti della vita, bene....ho quasi compiuto il mio piu' importante e prezioso Kintsugi! 


Ps Una parte del mio cuore rimane qui, per ora, ma questa e' un'altra storia e solo nostra, please! 

giovedì 7 maggio 2015

In vena di confidenze! 😁



Sono Paola! 
Paola che significa piccola ed in effetti non potevano scegliere nome piu' adatto, quantomeno se mi misuro in altezza: 
 160 cm (quando sono ottimista) ! 
Piccola, quasi trentasette anni e una voglia di spaccare tutto: casse, piste da disco, bicchieri e a volte anche le balle!!! Ma mai a tutti i costi ed ovunque! 
Sono una donna ma mi sento un'adolescente e spesso scelgo di vivere e comportarmi da tale,  o come il gergo di questo decennio sempre piu' galante suggerisce, sono una milf! 
Sono una persona difficile, complicata, anche per me stessa, perche' non sono comoda, ne' accomodante, per quello ci sono i divani e ognuno e' libero di scegliere di passarci la vita.
Non sono costante, in nulla, non credo al "per sempre" ma ho sette tatuaggi, che ho fatto in posti che vedo se voglio...perche' altrimenti mi stufo! 
Non sono una religiosa convinta, nè praticante, ma credo nell'amore per se stessi, cosi' per come si e', per poi riuscire davvero ad amare il prossimo per come e'; chi ci riesce mi contatti! 
Credo nei legami, quelli che si creano naturalmente, senza maschere, senza giudizio, quelli che nascono dalla scelta e non dalla necessita'. Credo a chi ti sceglie anche dopo aver visto il tuo lato peggiore, perchè ci vuole coraggio! 
Amo essere indipendente, in ogni senso possibile, e questo da fastidio a chi deve sentirsi indispensabile a qualcuno per dare un senso a se stesso.
Mi scelgo sempre delle prove dure, durissime, che per me sono montagne da scalare, per altri una passeggiata; credo che ognuno sia libero di scegliere se scalare o passeggiare! 
Una delle mie parole preferite e': scegliere, ha con se il senso della liberta'.
Credo nelle risate, quelle con le lacrime, quelle che ti fanno venire il mal di pancia e poi credo nel pianto, quello che ti fa venire quasi male al cuore. Entrambe mi fanno sentire Viva.
Credo nei sentimenti e nelle emozioni forti perche' vivere con il freno tirato non mi appartiene, anche se la velocita' poi spesso non la so controllare.
Non credo nella politica, confonde, crea illusioni, e rimette  la nostra responsabilita' nelle mani di terzi, cosi' come i mass media.
Credo negli ideali, non importa se di destra o di sinistra, sono entrambe rispettabili, o forse lo erano mille anni fa.
Adoro lo sport, anche se a volte mi costa fatica passare da una parte all'altra del letto.
Mi piace la meditazione anche se quando ci provo, mi addormento.
Adoro la musica rock, le chitarre elettriche e le farfalle nello stomaco, se sono maccheroni e' meglio! 
Mi annoiano a morte le canzoni d'amore, che due palle infinite, quelle in cui tutto e' una tragedia, fatta eccezione per Tiziano Ferro, che comunque mi emoziona! 
Mi piace leggere Vanity Fair che mi fa sentire brutta e povera e Terzani che mi arricchisce.
Amo scrivere i miei pensieri ma quando ne ho qualcuno non ho mai carta e penna per appuntarlo, ma
ho le note del cellulare  anche se comunque nella mia testa i pensieri scorrono troppo veloci e non riesco a ripeterli una seconda volta.
Non c'e'  mai una seconda occasione per averne una prima!
Non amo il mio corpo, ma lui deve amare tanto me, perche' non mi abbandona mai, neanche quando lo brutalizzo e lo insulto! 
Sbaglio un sacco di volte, a volte lo ammetto, per sincerita' o per non voglia di perdere tempo in discussioni sterili con persone di cui non mi interessa la stima, tantomeno l'opinione.
Mi terrorizza la morte.
Ho paura della paura, ci sto' lontana, mi paralizza.
Ho i capelli corti ma li vorrei lunghi, per poi quando crescono stufarmi e tagliarli! 
Mi diverte ascoltare le banalita' della gente: le donne devono avere i capelli lunghi, i tacchi, i neri hanno la musica nel sangue e via dicendo...che noia! 
Credo che l'autoironia sia una forma di intelligenza.
Amo fare pettegolezzi tra amiche.
Credo nella reincarnazione. 
Non mangio piu' la carne da due anni e non sono vegana ne' vegetariana, sono Paola e non mangio la carne, punto! 
Le etichette mi mettono ansia!! 
E non amo il pesce, anche se fa figo andare a mangiare il pesce,nel cuore del nord Italia.
A me piace mangiare la pizza e la polenta concia, il pesce mi piace mangiarlo al mare.
Adoro mangiare cinese con la mia amica e mia sorella! 
Mi piace la birra, rossa, doppio malto.
Ho un bel casino nella testa, ma questo mi permette di usarla per mettere ordine.
Cambio spesso idea, ma se e' vero che ogni notte ognuno di noi produce tre milioni di nuove cellule, mi sento ancora fortunata a cambiare idea una volta alla settimana.
Ho un cane, la amo, ma non dorme con me, e non le metto le scarpe e i vestiti, proprio perché la amo e perche' se voglio divertirmi vado in un negozio di giocattoli.
Non amo le mamme con i passeggini che passeggiano come se avessero pagato l'intera occupazione del suolo pubblico con quelle navicelle spaziali di tre metri di larghezza, che pare  pero' non siano dotate di freno.
Adoro cantare e ballare ma nessuna delle due cose mi riesce, a volte me ne frego.
Non amo i film vecchi, nè quelli in bianco e nero, e neanche il teatro o l'opera, adoro i concerti e l'adrenalina che mi invade quando stanno per iniziare e mi trema lo stomaco.
Ho visto anche Ramazzotti, e' stato bello anche allora, nei concerti succede qualcosa di magico, sempre! 
Non mi piace stare ferma, ma sono pigra. 
Vorrei essere magra e avere il fisico o il viso (o tutte e due) di Megane Fox, ma se la legge dell'attrazione funziona, in un'altra vita dovrei farcela, Megane Fox con la voce di Skin...o di Tracy ChapMan, per la voce posso lasciare l'opzione.
In questo modo, in tempo di crisi, oltre che figa, nasco con due professioni assicurate, l'attrice e la Rock Star! 
Ora vivo al mare, ma mi mancano spesso le montagne, quelle che mi sembravano le sbarre di una prigione, ecco ora sono una splendida cornice.
Amo viaggiare, ma non sempre e comunque all'avventura e poi voglio un posto in cui tornare e disfare la valigia.
Mi piace lavorare, ma non sono il mio lavoro : sono la mia vita e preferisco vivere una vita complicata ad un lavoro complicato.
Se perdo il lavoro, mi rimane la vita, se perdo la vita, non mi serve piu' il lavoro...
Credo di avere dei sogni nel cassetto ma sono disordinata, devo trovarli.
Volevo fare un bel blog ma mi sono persa nella vita, e allora e' rimasto in pausa...
Ho trentasette anni e ora che sono lontana da due mi manca il profumo di mia mamma, spesso...
E mi manca vedere le mani di mio padre alla mia destra quando mangio insieme a lui. 
Somiglio molto a loro, ho la severita' di mia mamma e la tolleranza di mio padre, questo mi permette di non essere una " disturbata", perche' ogni tanto mi ricordo di perdonarmi e perdonare.
Non credo in niente di assoluto, la verita' per me sta nel mezzo, ma il centro e' la cosa piu' difficile da trovare.
E poi ...Non sono sempre felice, ma
Cerco di esserlo, a mio modo, anche quando non lo sono, mi fa sentire di meritare il suo contrario. Quindi e' come lo fossi sempre! 
Non mi piacciono l'organizzazione e l'ordine, mi fanno sentire in trappola perche' non lasciano spazio all'errore, alla fantasia e all'improvvisazione.
Non sono una hippy ma mi piace poter scegliere di farla.
Non ho programmato la mia vita perche' mi sembrerebbe di averla gia' vissuta.
Spesso piango di felicita', non sono mai stata realmente infelice, sono fortunata, ma non nel gioco.
Credo che il mio numero fortunato sia il 38 e quindi compro sempre jeans che poi non metto.
Adoro le mie amiche, mi fanno ridere e mi abbracciano, ci siamo scelte, date, e raccontate la vita.
Amo mia sorella, la amo perche' e' lei, non solo perche' e' mia sorella, 
ho imparato a farlo.
Mi piace portare i tacchi anche se probabilmente non so camminarci bene.
Mi piace vestirmi bene anche se a volte vorrei poter uscire con una tuta : A&F!
Ho dei demoni, che ho temuto, conosciuto, accolto e che ora sono miei amici.
Me ne frego del giudizio degli altri, ma quello di chi stimo, mi sta a cuore.
Non ho sempre concluso quello che ho iniziato, ma comunque l'ho inizato e,comunque, ho tempo.
Amo Circondarmi di persone che mi insegnano cose che non so, e che mi migliorano.
Voglio essere una persona migliore.
Adoro abbraciare gli amici.
Odio chi ti da la mano e ha la consistenza di un budino molle.
Mi piace la French manicure.
Ogni tanto mi faccio qualche selfie ma non sono psicolabile , le  zanzare non mi pungono e ....volevo dire alla mia amica Anna che le uova mi piacciono sbattute, con il pamigiano e il pepe!!!Lei sa!!! 
Credo che oggi i tre milioni di cellule nuove mi abbiano resa cosi!! 
Baci e abbracci a tutto il mondo!!! 





















giovedì 26 febbraio 2015

L'essere scostante....é la mia costante!


In front of me...


Momento magico di meta' pomeriggio, in cui accendo l'Ipod, a basso volume,  in modo che la musica, la mia musica, si fonda al suono delle onde dell'oceano, che ogni giorno liberano davanti a me  la loro meravigliosa potenza! 
Ci sarebbero parecchie cose da scrivere, se questo fosse un diario di viaggio/bordo dettagliato e costante, ma di fatto, il blog, non lo è, come me del resto e non é nato per questo...e mi somiglia! 
É nato per accompagnare quest'avventura, sempre piu' preziosa e sorprendente, ed e' nato per crescere con me, e per custodire a volte le emozioni che ne derivano.
Dove siamo ora?? ... Geograficamente e paradossalmente....esattamente dove eravamo prima! 
Ci siamo spostati forse di qualche centinaio di metri ( in linea d'aria) perché La Furgoneta ha trovato posto quasi fisso alla spiaggia dei surfisti, ma....noi ...abbiamo fatto tanta strada: io, Miky, Mati e la Furgoneta siamo parte di un'altro mondo ora, nel senso piú vivo del termine!! 


Avevamo deciso di lasciare la Isla, un mese fa circa, per visitare le altre isole era tutto quasi pronto ma, al final la Isla ci ha voluti qui, ed é arrivato il lavoro, per tutti e due, e sono arrivati gli amici,  Eleonor y Vincent, e una vita semplice , fatta di moka al mattino passate da un van all'altro, o di colazioni davanti al mare, di confidenze tra amiche, una vita fatta di "darsi una mano" per il piacere di farlo, che quando non ci sono le comodita': e' tanta roba, una vita fatta  di giornate in cui si va alla Playa, o di giornate in cui Miky impara da Vincent l'arte della "giocoleria" ad un passo dalla spiaggia, una vita fatta di passeggiate sul mare con i nostri tre cani ingombranti Mati, Shady ( uno stafford di 11 anni) e Canaja ( un batuffolino di 19 anni!!) e una vita fatta di un lavoro semplice, che non abbiamo mai fatto e che stiamo imparando, da una persona che ci insegna con pazienza l'arte della ristorazione! 
Si! Qui si tratta proprio di una vita semplice, adoro questa parola di cui avevo scordato il vero significato, si tratta  di tempo libero, ma libero davvero, senza pensieri, sveglia, traffico, bollette, tasse, freddo, macchina, bollo, benzina&cosa mi metto! È un tempo  che ci ha trovati mentre cercavamo una strada che in realta' stavamo gia' percorrendo e che ci ha portati lontano...pur "trattenendoci" nello stesso posto! 
Perche' giravamo e giravamo....e poi ho capito: "non e' il luogo a far la differenza, siamo noi!  Il  luogo e' dentro di noi, e puó essere ovunque"! 
Lo dico sdraiata sul letto del van che ora e' la mia casa, davanti all'oceano che ora e' la mia finestra di mondo, con il suono delle onde:  " le Ole" che ora sono la mia musica preferita! ( insieme naturalmente ai Kooks, Cranberries, Linkin, Alanis, Manu Chao, Guns'n Roses & rock ecc) ! 
E volendo esagerare rendendo questo momento sublime, perche' non mi accontento mai, mi sono fatta il regalo piu' bello che potessi: un biglietto per l'Italia! 
Pero' : Ssssstttt!!!!! 
Le persone che piu' amo al mondo, a cui piu' assomiglio e che ringrazio perchè mi permettono di essere libera, loro due non lo sanno e non lo devono sapere!  
( Per fortuna non sono tecnologici) 
E cosi' dopo un lungo periodo, metto in pausa il mio occuparmi di me stessa e provo a dare quello che ho trovato qui, perché non avrebbe senso tenerlo tutto per me! 
Ho bisogno di fare la figlia, la sorella, l'amica....ho bisogno di Casa! 
Ho capito : ovunque saro' nel mondo, se ci rimarro', vorro' sempre un posto in cui tornare, un posto fatto di profumi e ricordi, un posto fatto di abitudini che sono rituali dolcissimi, un posto che a pensarci, mi ricorda la musica della pubblicita' della Barilla quando ero piccola, un posto chiamato Casa!!! 

 In front of the ocean...


Provo un'emozione cosi' grande per cosi' tante cose insieme che vorrei poterne regalare un po' a tutti o che tutti potessero provare emozioni simili...almeno una volta nella vita!!!